Guida Completa Allo Swing Trading

Home»Articoli»Guida Completa Allo Swing Trading
Swing trader draws market price on touchscreen

Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare di swing trading!

Che tu sia un neofita del mondo azionario o un trader professionista non ha importanza: questa tipologia di investimento è perfetta per chiunque desideri realizzare un profitto a breve e medio termine ma, al tempo stesso, non vuole o non può dedicare tutta la giornata all’analisi di grafici e modelli.

In questo articolo ti spiegheremo in cosa consiste lo swing trading, come funziona ma soprattutto ti sveleremo il segreto per guadagnare fino all’80% dei profitti senza rischiare i tuoi soldi.

Il trading? È questione di stile!

Nel trading è tutta questione di stile… o quasi! Per capire qual è la strategia più adatta alla tue corde, devi comprendere in quale categoria o mood di investimento rientri tra:

  • trading di posizione
  • intraday
  • scalping
  • swing trading

Il trading di posizione è, semplificando al massimo, una strategia a lungo termine perché si basa proprio su un periodo di tempo prolungato: diverse settimane, mesi fino ad arrivare ad anni.

Per massimizzare il tuo profitto quindi devi tener conto delle tendenze a lungo termine del mercato azionario e di parametri come l’inflazione, l’occupazione, il PIL e così via.

Fonte: https://www.flowbank.com/hs-fs/hubfs/position-trading-eg.png?width=602&name=position-trading-eg.png

L’intraday, o day trading, è la strategia più dinamica perché apri e chiudi le tue posizioni nello stesso giorno, negozi piccoli movimenti di prezzo e, per prevedere le fluttuazioni del mercato, utilizzi soltanto l’analisi tecnica.

Cosa vuol dire?

In pratica ti basi sugli eventi principali della giornata.

La pubblicazione di una notizia causa una determinata volatilità.

Di questo concetto ci occuperemo nei prossimi paragrafi ma una cosa te la vogliamo dire subito: l’assenza di volatilità impedisce ai day trader di realizzare il profitto.

Lo scalping è una forma di investimento che i professionisti spesso equiparano al gioco d’azzardo.

Questo metodo infatti si basa su transazioni effettuate per pochi secondi o minuti.

Fai attenzione: questa strategia, per essere redditizia, deve realizzare operazioni a più probabilità perché i guadagni medi tendono a essere inferiori alle perdite medie del periodo.

Si tratta quindi, tanto per semplificare il concetto, di entrare nelle operazioni quando si presenta il segnale che avrai stabilito nel tuo piano di trading.

Fonte: https://www.tradingsetupsreview.com/15-minute-opening-range-scalp-trade/img/15-Minute-Opening-Scalp-Trade-Winning-Trade_hu3e5db595d30f6463d15c7fad88a54f22_205215_1280x0_resize_q75_h1_box_3.webp

L’ultima strategia è proprio lo swing trading, uno dei metodi più famosi e utilizzati dai principianti ma anche da chi si occupa di trader professionale.

Ma come si fa a capire qual è la strategia di trading più profittevole per te?

Per iniziare a investire guadagnando soldi reali senza rischiare il tuo capitale, troverai un ticket per accedere a un conto da 10K della nostra ProUp: in questo modo potrai studiare e fare pratica senza nessun rischio!

Vuoi fare trading e guadagnare soldi reali senza rischiare il tuo capitale?

Analisi tecnica, analisi fondamentale e time frame

Lo sappiamo, non vedi l’ora di capire cos’è lo swing trading ma, per comprenderlo a fondo, devi conoscere il significato di tre termini: analisi tecnica, analisi fondamentale e time frame.

L’analisi tecnica è la previsione del comportamento del prezzo (price action) di un indice, di un titolo, di un cambio valutario o di una commodity in uno specifico arco temporale.

Per gli analisti tecnici, un grafico investigato con strumenti statistici e matematici, i pattern e gli indicatori sono strumenti sufficienti per reperire quelle informazioni che vanno a evidenziare le opportunità più redditizie di trading.

Fonte: https://www.wallstreetmojo.com/wp-content/uploads/2022/03/what-is-Technical-Analysis.png.webp

Gli analisti fondamentali partono invece da una considerazione diametralmente opposta: sono i gli eventi esterni e i macrodati a influenzare i prezzi di un asset. Questo tipologia di analisi è determinante in caso di obbligazioni e Forex.

Il time frame infine è una locuzione che indica l’impostazione temporale che vogliamo dare al nostro grafico. La frequenza di aggiornamento è impostata liberamente dallo stesso trader.

Cosa significa swing nel trading?

Swing in inglese significa oscillazione. Nel trading questo termine indica le fluttuazioni direzionali dei prezzi nel mercato.

Questo sostantivo, che in alcuni contesti viene tradotto con altalena, sottolinea alla perfezione l’attività dello swing trader che consiste nell’individuare le migliori opportunità di entrata nel mercato con strumenti che identificano le oscillazione dello stesso range di prezzi.

Ti sembra complicato? Continua la lettura dell’articolo e vedrai come questo concetto diventerà sempre più semplice!

Cos’è lo swing trading?

Lo swing trading è uno stile di investimento a breve e medio termine.

Il suo obiettivo, come vedremo, è quello di catturare qualsiasi potenziale profitto prodotto dalle oscillazioni di valore delle azioni.

Un swing trader mantiene aperta la sua posizione per giorni o diverse settimane.

Non dedica la sua giornata al trading e gli basta eseguire la sua analisi tecnica su un grafico giornaliero: pochi minuti al giorno bastano per identificare la fluttuazioni di prezzo che può concretizzarsi in profitto.

Una volta trovata, lo swing trader lascia che gli scenari si evolvano da soli.

Questo stile di trading rileva quindi l’enorme potenziale di un particolare movimento di prezzo, comprende i trend a medio termine del mercato, riuscendo a catturare un blocco di profitto nel momento in cui si verifica quella precisa tendenza.

Più tecnicamente, lo swing trading si basa sull’individuazione di un trend overvalued o undervalued e si pone esattamente a metà strada tra le operatività:

  • buy & hold, caratterizzata da un arco temporale a lungo termine
  • intraday, l’operazione viene aperta e chiusa durante la stessa sessione

Come individuare uno swing?

Una delle domande più frequenti poste da chi si avvicina a questo stile di investimento è come individuare uno swing, quindi un’oscillazione del prezzo.

La risposta è semplice: non devi far altro che impostare il tuo grafico sui tre time frame più utilizzati ovvero H1, H4 e daily. In questo modo riuscirai ad avere una visione effettiva dei trend dei giorni precedenti.

Per chi è indicato lo swing trading?

Lo swing trading è una strategia di investimento perfetta soprattutto per i principianti e i neofiti del settore che potrebbero trovare qualche difficoltà nel day trading o nello scalping. Lo swing trading infatti non richiede particolari abilità, competenze o risorse di tempo illimitato.

Questo stile è perfetto anche per coloro che mostrano un approccio statico al mondo del trader e non hanno nessun problema a rimanere sul mercato per più giorni e per chi non risente affatto della pressione overnight.

Ricorda che uno dei fattori più importanti che influenzano il tuo modo di fare trading è costituito dalle emozioni: meno pressione hai, meglio investi!

Qual è il livello di rischio nello swing trading?

Rispetto al day trading, lo swing presenta un livello di rischio meno accentuato perché non è legato alle fluttuazioni giornaliere ma è distribuito nel tempo.

Come funziona lo swing trading?

Entriamo nel vivo di questa strategia.

Ti diamo subito qualche indicazione di natura pratica.

Per fare swing trading devi iscriverti a una piattaforma autorizzata dalla Consob o da un altro organo competente.

La lista è lunga, il consiglio che ti diamo è quello di scegliere dopo aver valutato i servizi aggiuntivi offerti dalle varie società di brokeraggio.

Una volta scelta la piattaforma, devi iniziare a elaborare una strategia.

Il punto chiave dal quale partire è molto semplice: tutto quello che il trader deve fare è realizzare dei potenziali profitti, sfruttando il movimento ciclico dei prezzi.

Il tuo obiettivo sarà quindi capire e individuare qual è il momento giusto per entrare sul mercato e il tempo sufficiente in cui rimanere per ottenere dei potenziali profitti.

Devi essere un veggente per capire quando è il momento di entrare in azione?

Assolutamente no, tutto quello che devi fare è iniziare a elaborare una strategia che comprenda tre punti chiave fondamentali:

  • ingresso
  • take profit
  • stop loss

Capire quando è il momento di fare la tua mossa non è semplice, ma ricorda: in qualsiasi operazione di trading è necessario eliminare impulso e soggettività.

Difficile? Niente affatto se utilizzi gli strumenti giusti! Continua la lettura, ti stiamo per svelare quali sono!

Lo swing trading deve partire dall’analisi tecnica che ti aiuta a identificare trend, modelli ma anche a studiare i grafici dei prezzi. Puoi usare, come vedremo, alcuni indicatori come la media mobile o i pattern grafici.

Il secondo elemento che può aiutarti a capire la tendenza del mercato è l’analisi fondamentale quindi dare uno sguardo ai dati finanziari, alle notizie economiche ma anche agli eventi politici per valutare il valore di una determinata posizione e prendere al volo gli swing di prezzo.

Il terzo e ultimo step: la gestione del rischio, un passaggio fondamentale per proteggere gli eventuali profitti ma anche per limitare le perdite. Due delle tecniche più utilizzate sono proprio lo stop loss e il take profit.

Con stop loss intendiamo una strategia di investimento finalizzata alla salvaguardia del capitale investito nel caso in cui il mercato vada in una direzione contraria a quella che ci si aspettava inizialmente.

Il take profit invece è un livello che, quando viene toccato dai prezzi, determina automaticamente la chiusura della posizione di guadagno.

Questi sono i punti iniziali dai quali partire ma ti ricordiamo che il trading system e quindi le tecniche di analisi usate nello swing dipendono dall’approccio individuale di ogni trader.

Quello che conta è soltanto elaborare una sistema efficace e capace di segnalare il momento in cui entrare e quello in cui uscire dall’operazione!

Come fare swing trading?

Facciamo un ulteriore passo all’interno dello swing trading.

Uno dei punti fondamentali della tua strategia consiste nel decidere se operare contro il trend o a suo favore.

Per aiutarti puoi utilizzare, come abbiamo già sottolineato, un mix tra analisi tecnica e fondamentale e i modelli grafici.

Esistono però altri tre fattori che ti aiutano a realizzare una visione d’insieme: la volatilità, i supporti e le resistenze. Vediamoli nel dettaglio.

La volatilità è uno strumento che ti serve per misurare, in un arco temporale specifico, la variazione del prezzo di un asset. Nello swing trading è un elemento fondamentale: più il mercato è volatile, maggiore sarà il numero di posizioni che puoi aprire.

La resistenza è un’oscillazione del prezzo che determina un blocco della crescita del prezzo stesso.

Il supporto consiste in un livello di prezzo in corrispondenza del quale si verifica un arresto al ribasso del prezzo.

Se questi livelli (supporto e resistenza) vengono abbattuti, dovrai operare a favore del trend. In caso contrario, se non individui il punto di rottura, nonostante la frenata dei livelli di prezzo, dovrai scegliere una strategia di trading in controtrend.

Quali sono gli indicatori tecnici nello swing trading?

Cerchiamo di rendere ancora più specifico e tecnico il nostro discorso.

Il mercato finanziario offre diverse opportunità di swing trading. Per identificarle con sicurezza puoi servirti dei cosiddetti Swing trading indicator.

Lo vuoi un consiglio molto pratico? Ricorda che non esiste l’indicatore perfetto per cui è sempre meglio utilizzare una combinazione di questi indicatori:

Volume

Questo parametro indica il numero dei contratti o dei titoli scambiati in un determinato periodo di tempo. Puoi utilizzarlo per individuare una inversione dei prezzi o semplicemente per confermare una tendenza.

Vuoi imparare una strategia volumetrica di trading professionale utilizzata anche dagli istituzionali e ricevere un conto da 20K per guadagnare senza rischiare il tuo capitale?

Fibonacci

La sequenza di Fibonacci identifica con precisione i livelli di supporto e resistenza di un asset. Grazie a questo indicatore puoi determinare ingresso, take profit e stop loss.

Fonte: https://www.hdfcsec.com/hsl.images/Blog_751x423%2018%20Fibonacci%20Retracement_-202301201657512875678.jpg

MA (Moving Average)

La Moving Average è la media mobile di una serie di dati. Nel caso dello swing trading ti mostra il prezzo medio di un asset in un determinato periodo di tempo, puntando il focus sulla direzione generale del trend.

MACD (Moving Average Convergence Divergence)Il Moving Average Convergence Divergence indica la differenza tra due medie mobili. Utilizza questo indice per individuare i possibili punti di inversione.

Bollinger bandsLe bande di Bollinger ti aiutano a capire la volatilità di un prezzo in base alla sua deviazione standard.

RSI (Relative Strength Index)

Il Relative Strength Index è l’indicatore che ti aiuta a identificare situazioni di ipercomprato o ipervenduto.

Il range di quest oscillatore di prezzo va da 0 a 100: se è inferiore a 30 si parla di ipervenduto. Quando va oltre i 70 siamo in una condizione di ipercomprato.

Vuoi fare trading e guadagnare soldi reali senza rischiare il tuo capitale?

Swing trading: le strategie

Arrivati a questo punto, hai tutti gli elementi utili per iniziare a elaborare la strategia di swing trading più adatta alle tue esigenze. Devi sapere che, in linea di massima, i trader professionisti utilizzano queste 5 strategie:

Trend following: utilizzando le medie mobili, identifichi sia il trend del mercato, quindi l’andamento, sia l’apertura di una posizione capace di seguire queste tendenze.

Trending degli eventi: usa questa strategia se vuoi identificare le opportunità di trading offerte da particolari eventi politici, economici e aziendali che possono influenzare il prezzo di un asset.

Breakout: qui entrano in gioco i concetti di resistenza e supporto. Se i livelli indicati sono attraversati (si rompono) vuol dire che i prezzi stanno subendo un’accelerazione proprio in direzione di questa rottura.

Pattern grafici: in questa strategia devi identificare i pattern grafici come, ad esempio, il testa e spalle, una figura di inversione tra le più affidabili, o le bande di Bollinger che ti indicano in modo chiaro le opportunità di trading.

Fonte: https://eadn-wc03-4272332.nxedge.io/wp-content/uploads/2017/08/Bollinger-Bands-Strategy-1.jpg.webp

Pullback: questa strategia ti permette di “fiutare” il trend di un prezzo.

In pratica identifichi un’oscillazione che va contro la tendenza principale del mercato e il successivo ritorno alla direzione della tendenza. Una volta stabilito questo punto, non dovrai far altro che aprire la tua posizione nel momento del pullback.

Vuoi saperne di più? In questo video ti spieghiamo come guadagnare con le strategie di swing trading!

Swing trading: i passaggi operativi

A questo punto è necessario fare un piccolo recap di quanto detto finora.

I passaggi che caratterizzano lo swing trading sono:

  • Identificare l’asset negoziabile
  • Analizzare i grafici per identificare modelli e tendenze
  • Stabilire il punto di ingresso, il momento nel quale è opportuno entrare nel trade
  • Aprire la posizione
  • Gestire il trade monitorando i grafici e utilizzando le tecniche per la gestione del rischio
  • Chiudere il profitto quando il prezzo raggiunge il target di profitto che vuoi realizzare oppure quando il mercato va in controtendenza rispetto alle previsioni.

Quali sono i vantaggi dello swing trading?

Il primo vantaggio dello swing trading consiste nella possibilità di impostare una finestra di stop loss più ampia e quindi, di conseguenza, ridurre il numero di posizioni che si chiudono in modo prematuro.

Questa strategia inoltre è perfetta per chi non può dedicare molte ore al trading. Se non sei un trader professionista e hai un lavoro a tempo pieno, è difficile star dietro a forme di investimento come lo scalping o il day trading.

Un altro vantaggio è senza dubbio relativo ai ritmi e alle emozioni connesse con questo investimento. Nello swing trading è tutto più lento e meno adrenalinico: nel day training è necessario invece concentrarsi sui grafici per diverse ore al giorno ma soprattutto mantenere la calma per evitare di compiere passi falsi.

Il tempo richiesto dallo swing elimina l’impulso che spesso prende la mano ai trader meno esperti e li espone a possibili perdite.

I vantaggi non finiscono qui perché con lo swing trading hai:

  • maggiori probabilità di successo (non siamo noi a dirlo male statistiche!)
  • la possibilità di operare in diversi mercati, un aspetto che manca nell’intraday dove occorre rispettare tutta una serie di requisiti come, ad esempio, le dimensioni degli bid-ask spread
  • costi inferiori, le commissioni di broker ed exchange sono minori rispetto al day trading perché le operazioni, nell’arco temporale di un mese, sono meno numerose.

Quali sono gli svantaggi dello swing trading?

Lo swing trading, come ogni strategia, presenta dei punti di forza ma anche dei punti deboli.

I principali svantaggi sono:

  • richiede tanta pazienza
  • mantenere la posizione per un arco temporale lungo può farti realizzare grandi profitti ma anche perdite
  • è difficile riuscire a trovare un equilibrio tra le proprie attività professionali quotidiane e la necessità di migliorare la propria strategia
  • in alcuni casi puoi trovarti costretto a fare hedging, ovvero a effettuare una o più operazioni di “copertura” per tutelare e proteggere il tuo investimento

Fonte: https://www.investopedia.com

  • espone al rischio di gap: se scegli il mercato azionario ti ritroverai in alcuni casi a spostare la tua posizione durante la notte. Questo può esporti a un gap di prezzo dopo il fine settimana o all’apertura del trading per cui potresti trovarti di fronte a un prezzo inferiore del tuo stop-loss. Il controllo del rischio, in questo caso, è fondamentale.

Conclusioni

Lo swing trading è una strategia a breve termine che ha come obiettivo la realizzazione di un profitto dalle fluttuazioni dei prezzi del mercato. Come ogni stile di trading, necessita di studio e di attenzione.

Ti diamo due ultimi consigli.

Il primo è che puoi imparare a fare pratica utilizzando qualche demo gratuita che puoi facilmente reperire in rete.

Il secondo coniglio è indirizzato a te che non vuoi perdere tempo e desideri iniziare a fare subito trading, ottenendo un profitto senza rischiare i tuoi soldi.

PropUp è la soluzione ideale per te, soprattutto se sei un trader alle prime armi. Scegli il conto che vuoi tra varie proposte, applica la strategia che preferisci e approfitta dei profit share più alti del mercato.

Sei pronto a conquistare i mercati? Contattaci per maggiori informazioni!

Corso completo di Day Trading

Fai trading e guadagna soldi reali senza rischiare il tuo capitale

Tu fai trading, noi mettiamo i capitali e ci dividiamo i profitti. Ti porti a casa fino all’80% dei profitti realizzati in base alla tipologia del conto che scegli.

Diventa un Prop Trader

0Commenti

    Lascia un commento